Sostenibilità e digitale: realizzare un sito web green e adottare strategie SEO sostenibili

Per rendere il proprio sito aziendale green, possono essere implementate diverse strategie, dall’ottimizzazione dei contenuti alla creazione di una vera e propria strategia SEO, in modo da rendere un sito web più veloce e sostenibile, in modo da ridurre i consumi energetici e quindi l’impatto sull’ambiente.

Realizzare un sito web green

Ognuno di noi ormai possiede uno smartphone con un’offerta internet attiva o dispone di una connessione internet domestica nella propria abitazione, di conseguenza internet rappresenta una delle principali fonti di inquinamento al mondo.

Per tale ragione è fondamentale essere a conoscenza dell’ impatto di C02 del proprio sito web aziendale, in modo da creare ed implementare strategie capaci di limitare il consumo di energia giornaliero. E’ molto importante sottolineare infatti, che più un sito web risulta essere lento e più produce CO2.

Contenuti lenti, pesanti o poco ottimizzati hanno un doppio svantaggio: da un lato vanno a incidere sulla user experience dell’utente, che impiegherà maggior tempo per attendere i risultati della sua ricerca, e dall’altro il consumo di energia tenderà ad aumentare proprio per il maggior tempo passato online.

La realizzazione di un sito green aziendale consente quindi di aumentare le prestazioni del sito e di conseguenza il posizionamento sui motori di ricerca riducendo così il consumo energetico e l’impatto ambientale.

L’applicazione di precise strategie di green marketing, come ad esempio la realizzazione di un sito web sostenibile, garantisce un importante ritorno di immagine per il business di tale aziende, per il fatto che moltissimi consumatori sono sensibili alle tematiche ambientali  e di conseguenza il vantaggio risulta essere anche economico.

Strategie per rendere il proprio sito aziendale green

Ottimizzare correttamente i contenuti permetterà di rendere la ricerca degli utenti più rapida e immediata, rendendo la navigazione più breve.

È possibile adottare soluzioni differenti per ridurre l’impatto inquinante del proprio sito web aziendale.

Il primo passo da effettuare è sicuramente quello di limitare il numero delle risorse impiegate: tutto ciò che viene caricato sul sito, dai link interni alle immagini, risulta avere un impatto ambientale, per tale ragione è molto importante ridurre i file presenti, perchè questo permetterà di limitare la produzione di carbonio.

Un’altra strategia che è possibile mettere in atto è quella relativa all’ottimizzazione delle immagini: più leggere impiegheranno minor tempo per il caricamento, riducendo così il tempo di attesa.

Inoltre, ci si può appoggiare a un server green, o sceglierne uno situato geograficamente più vicino al target di utenti a cui ci rivolgiamo.

SEO e sostenibilità ambientale

La SEO può contribuire a migliorare la sostenibilità ambientale del proprio sito aziendale.

Accade spesso infatti che un utente impieghi molto tempo per la ricerca di determinati contenuti.

Un sito ben ottimizzato dal punto di vista SEO permette all’utente di raggiungere in breve tempo i risultati che cerca. Questo si può ottenere anche installando un motore di ricerca interno per facilitare e rendere più rapida la navigazione dell’utente.

Ottimizzare la user experience rappresenta anche un valore in termini di posizionamento SEO: grazie alla facilità con cui i contenuti vengono reperiti e ad un buon utilizzo delle key words, è possibile trovare nel minor tempo possibile, le informazioni ricercate, caricando meno pagine, limitando il consumo di energia.

Grazie alla digitalizzazione, è possibile effettuare e velocizzare qualsiasi operazione, come ad esempio un trasloco delle utenze, utilizzando semplicemente uno smartphone o un computer. I fornitori di energia elettrica mettono anche a disposizione dei clienti diverse soluzioni digitali per controllare i consumi energetici, confrontare i prezzi dell’energia e del gas mettendo a disposizione diverse offerte, oltre che per effettuare eventuali trasferimenti delle utenze (voltura, allaccio o subentro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *